SELEZIONATI PER VOI

ESPERIENZE

SIENA PIAZZA DEL CAMPO

INFORMAZIONI:
Piazza del Campo è una delle più belle piazze del mondo, è il cuore di Siena e dei senesi. E’ così chiamata perché un tempo era uno spazio verde destinato ad ospitare mercati e fiere. Ha la forma di una conchiglia divisa in 9 settori a ricordo dei Nove Signori che governarono la città dal 1287 al 1355. La pavimentazione in mattoni disposti a “coltello” risale al 1347 e ricopre uno spazio irregolare che scende verso il basso. La parte esterna della Piazza è in pietra serena e durante il Palio viene ricoperta di tufo. I Palazzi che circondano la Piazza furono costruiti seguendo una regola – tra le prime disposizioni urbanistiche – stabilita fin dal 1297, che imponeva il rispetto di precisi criteri estetici, vietando i balconi.

INDIRIZZO:
Piazza del Campo 1
53100 Siena
Tel:+39 0577 292111
www.comune.siena.it

PALIO DI SIENA

INFORMAZIONI:
Il Palio di Siena è una competizione fra le Contrade di Siena nella forma di una giostra equestre di origine medievale.
La “carriera”, come viene tradizionalmente chiamata la corsa, si svolge normalmente due volte l’anno: il 2 luglio si corre il Palio in onore della Madonna di Provenzano festa della Visitazione nella forma straordinaria, e il 16 agosto quello in onore della Madonna Assunta.
In occasione di avvenimenti eccezionali, di ricorrenze cittadine o nazionali ritenute rilevanti e pertinenti, ad esempio: il centenario dell’Unità d’Italia, la comunità senese può decidere di effettuare un “Palio straordinario”.

INDIRIZZO:
Palio di Siena
Piazza del Campo, Siena
2 luglio e 16 agosto
www.ilpalio.org

LE CAVE DI CARRARA

INFORMAZIONI:
Le cave di Marmo di Carrara
Scoprite come poter effettuare una visita guidata ai meravigliosi bacini di Colonnata, Torano e Fantiscritti.
Indimenticabile ed unica la visita ai tre bacini marmiferi delle cave di marmo di Torano, Fantiscritti e Colonnata. Lungo il tracciato della ex Ferrovia Marmifera, i visitatori compiono uno spettacolare viaggio, passando sui ponti di Vara e all’interno delle suggestive gallerie scavate nella roccia, alla scoperta delle cave, da cui già in epoca pre-romanica si estraeva il marmo bianco di Carrara.

INDIRIZZO:
Le cave di Marmo di Carrara
www.aptmassacarrara.it
www.carraramarbletour.it
Tel.+39 0585 779673
Mob.+39 333 6024026

SAN GIMINIANO

INFORMAZIONI:
Piccola città fortificata a metà strada tra Firenze e Siena, è famosa per la sua architettura e per le sue belle torri medievali che rendono il profilo cittadino davvero unico.
Nel periodo più florido, le ricche famiglie di San Gimignano arrivarono a costruire ben 72 torri come simbolo del loro benessere e potere. Di queste oggi ne rimangono 14 che contribuiscono a rendere ancora più affascinante l’atmosfera cittadina.
Dichiarato Patrimonio dell’ Umanità dall’ Unesco nel 1990, San Gimignano offre anche ottimi prodotti locali come lo zafferano e il vino bianco chiamato Vernaccia di San Gimignano.

INDIRIZZO:
Ufficio Informazioni Turistiche
Piazza Duomo, 1
53037 San Gimignano
Tel:+39 0577 940008
www.sangimignano.com

VAL D’ORCIA/PIENZA

INFORMAZIONI:
Pienza, la città di Pio. Questa amena cittadina situata nel cuore della Val D’Orcia, vicino Siena, in Toscana, è considerata l’incarnazione dell’utopia rinascimentale della città ideale. Ottenuto il riconoscimento di sito Unesco nel 1996, ancora oggi comunica al mondo i canoni urbanistici del Rinascimento per l’organizzazione razionale degli spazi e delle prospettive di piazze e palazzi cinquecenteschi.
Le prospettive geometriche, le impressionanti volumetrie della Cattedrale e del palazzo Piccolomini, l’accurato riempimento degli spazi al centro del vecchio borgo medievale rappresentanto una notevole testimonianza del genio architettonico dell’epoca.

INDIRIZZO:
Comune di Pienza
Corso Rossellino, 61
53026 Pienza, Siena
Tel:+39 0578 748502
www.comune.pienza.si.it

ABAZZIA DI SAN GALGANO

INFORMAZIONI:
L’abbazia di San Galgano è un’abbazia cistercense, sita ad una trentina di chilometri da Siena, nel comune di Chiusdino.
L’abbazia è aperta tutti i giorni dell’anno, con il biglietto d’entrata inoltre, si può visitare a Chiusdino nel paese natale di San Galgano il nuovissimo Museo. Sia per la storia affascinante legata a S. Galgano, sia per la collocazione in mezzo al verde e alla natura, questa Cattedrale aperta al cielo e al mondo ha un fascino unico. Consiglio di visitare il Museo di Chiusdino e il borgo prima di accedere alla Cappella di Montesiepi con la spada nella roccia e di scendere all’abbazia.

INDIRIZZO:
Abbazia San Galgano
Strada Comunale di San Galgano
53012 Chiusdino Siena
www.abbazia-san-galgano

SACRO BOSCO DI BOMARZO

INFORMAZIONI:
Sacro Bosco di Bomarzo, spesso definito Parco dei Mostri. Venne progettato dal principe Vicino Orsini e dal grande architetto Pirro Ligorio nel 1552. lI parco, pur inserendosi nell’erudita cultura architettonico-naturalista del secondo Cinquecento, costituisce un unicum. Il colto principe di Bomarzo si dedicò alla realizzazione di un eccentrico “boschetto” facendo scolpire enigmatiche figure di mostri, draghi, soggetti mitologici e animali esotici, che altenò a una casetta pendente, fontane, sedili e obelischi su cui fece incidere motti e iscrizioni. Autentico labirinto di simboli che avvolge chi si addentra fisicamente o intellettualmente.

INDIRIZZO:
Sacro Bosco
loc. Giardino
01020 Bomarzo, Viterbo
Tel. 0761/924029
www.sacrobosco.it

GIARDINO DI BOBOLI

INFORMAZIONI:
Il Giardino di Boboli. I Medici per primi ne curarono la sistemazione, creando il modello di giardino all’italiana che divenne esemplare per molte corti europee. La vasta superficie verde suddivisa in modo regolare, costituisce un vero e proprio museo all’aperto, popolato di statue antiche e rinascimentali, ornato di grotte, prima fra tutte quella celeberrima realizzata da Bernardo Buontalenti. Inoltre grandi fontane come quella del Nettuno e dell’Oceano. La visita a Boboli completa quella alla Reggia di Pitti, di cui è parte integrante e consente di cogliere pienamente lo spirito della vita di corte e insieme di godere dell’esperienza di un giardino che sempre si rinnova pur nel rispetto della sua tradizione.

INDIRIZZO:
Giardino di Boboli
Varie entrate al giardino: Porta Romana,
Via Romana, Palazzo Pitti, Firenze
www.uffizi.it/giardino-boboli
GIARDINO DI BOBOLI

GIARDINO DEI TAROCCHI

INFORMAZIONI:
Seguendo l’ispirazione avuta durante la visita al Parque Guell, poi rafforzata dalla visita al bosco di Bomarzo, Niki de Saint Phalle inizia la costruzione del Giardino dei Tarocchi nel 1979. Identificando nel Giardino il sogno magico e spirituale della sua vita, Niki de Saint Phalle si è dedicata alla costruzione delle ventidue imponenti figure in acciaio e cemento ricoperte di vetri, specchi e ceramiche colorate, per più di diciassette anni, affiancata da un’équipe di nomi famosi dell’arte contemporanea e soprattutto dal marito Jean Tinguely, che ha creato le strutture metalliche delle enormi sculture e ne ha integrate alcune con le sue mécaniques, assemblaggi semoventi di elementi meccanici in ferro.

INDIRIZZO:
Giardino dei Tarocchi
Capalbio, Grossetto
Tel:+39 0564/895122
www.ilgiardinodeitarocchi.it

FRA ANGELICO

INFORMAZIONI:
Museo di San Marco
Al primo piano si trovavano le celle dove dormivano i monaci. Fu la più estesa decorazione pittorica mai immaginata fino ad allora per un convento. Ispiratore di tale scelta fu probabilmente Antonino Pierozzi, priore del convento successivamente vescovo di Firenze. Egli considerava la pittura uno straordinario mezzo educativo e di catechesi, che poteva aiutare la meditazione. Le quarantaquattro celle sono disposte lungo tre corridoi, nelle celle è conservato un ciclo affrescato senza pari, composto da una serie di quarantaquattro affreschi dal Beato Angelico.

INDIRIZZO:
Museo di San Marco
Piazza San Marco, 3
50121 Firenze
Tel. +39 055 0882000
www.polomusealetoscana.beniculturali.it

PONTORMO

INFORMAZIONI:
Chiesa di Santa Felicita.
Il Trasporto di Cristo, talvolta detto “Deposizione” dipinto a tempera ad uovo su tavola di Pontormo, databile al 1526-1528 circa e conservato nella Cappella Capponi nella chiesa di Santa Felicita a Firenze. Centro motore dell’intera cappella, viene considerato uno dei capolavori massimi dell’arte, non solo fiorentina. Il restauro eseguito da Daniele Rossi che in precedenza aveva restaurato i quattro tondi con gli Evangelisti sui pennacchi della stessa cappella si è appena concluso. Attraverso una serie di indagini diagnostiche e di analisi chimiche sono stati individuati i colori usati originariamente dal Pontormo in questo dipinto.

INDIRIZZO:
Piazza Santa Felicita, 3
50125 Firenze

PIETRO DELLA FRANCESCA

INFORMAZIONI:
Piero della Francesca
Itinerario tematico dove s’intende evidenziare il lascito di Piero della Francesca alla modernità, la riscoperta della sua pittura avvenuta nell’Ottocento e la sua rilevante influenza sull’arte del Novecento fino all’età contemporanea. Questo itinerario suddiviso in 5 possibili percorsi e focalizzato sull’attività dell’artista in Toscana. L’itinerario pierfrancescano dopo essere stato nella seconda metà nella seconda metà dell’Ottocento visitato da un turismo colto, appassionato e di élite, esercita ancora oggi un fascino straordinario nella cultura europea.

INDIRIZZO:
Ufficio Turistico Valtiberina Toscana
Via Matteotti, 8
Sansepolcro, Arezzo
Tel:+39 0575 740536
www.valtiberinaintoscana.it
www.terredipiero.it

Poggio Baronti Newsletter

Registratevi alla nostra mailing list
per ricevere aggiornamenti e offerte promozionali